Disturbi del Comportamento Alimentare

Cosa sono i disturbi alimentari

I disturbi del comportamento alimentare (DCA) racchiudono patologie caratterizzate da un' alterazione delle abitudini alimentari e da un'eccessiva preoccupazione per il peso e per le forme del corpo. I comportamenti tipici di una persona che soffre di un Disturbo del Comportamento Alimentare sono: 

1) digiuno

2) restrizione dell'alimentazione

3) crisi bulimiche 

4) vomito autoindotto

5) assunzione impropria di lassativi e/o diuretici al fine di contrastare l'aumento ponderale, intensa attività fisica finalizzata alla perdita di peso

6) Ossessione per il cibo 

I principali Disturbi del Comportamento Alimentare sono 

1) Anoressia Nervosa 

2) Bulimia Nervosa

3) Disturbo da Alimentazione Incontrollata o Binge Eating Disorder

4) Ortoressia

Soffrire di un disturbo alimentare sconvolge la vita di una persona; sembra che tutto ruoti attorno al cibo e alla paura di ingrassare. Cose che prima sembravano banali diventano difficili se non impossibili e motivo di forte ansia (andare in pizzeria o al ristorante, partecipare ad un compleanno o ad un matrimonio). Spesso i pensieri sul cibo assillano la persona anche quando non è a tavola, ad esempio a scuola o sul lavoro terminare un compito diventa difficilissimo perché sembra che ci sia posto solo per i pensieri su cosa si "debba" mangiare, sulla paura di ingrassare o di avere un'abbuffata.

Solo una piccola percentuale di persone che soffre di un disturbo alimentare chiede aiuto. Nell'Anoressia Nervosa questo può avvenire perché la persona all'inizio non sempre si rende conto di avere un problema. Anzi, l'iniziale perdita di peso può portare la persona a sentirsi meglio, a ricevere complimenti, a vedersi più magra, più bella e a sentirsi più sicura di sé. In genere sono i familiari che, allarmati dall'eccessiva perdita di peso, si rendono conto che qualcosa non va.

Anche chi soffre di Bulimia Nervosa nella maggior parte dei casi si rivolge ad un terapeuta solo molti anni dopo che il disturbo è cominciato. Spesso, come nell'Anoressia, inizialmente non si ha una piena consapevolezza di avere una malattia non solo, il forte senso di vergogna e di colpa possono "impedire" alla persona di chiedere aiuto o semplicemente di confidare a qualcuno di avere questo tipo di problemi.

Ultimamente inoltre si è insinuata tra i disturbi del comportamento Alimentare anche l'Ortoressia.

Con ortoressia indichiamo quel particolare disturbo del comportamento alimentare di cui soffre appunto chi, nell'intento di ottenere una dieta che sia il più possibile sana, con un comportamento di tipo ossessivo finisce invece per ottenere l'effetto opposto. Il 78% di chi soffre di ortoressia pianifica meticolosamente i propri pasti, il 76% diserta gli appuntamenti galanti e il 72% rinuncia alle uscite con gli amici: l'ortoressico è perfettamente in grado di passare il proprio fine settimana a cucinare verdure per la settimana seguente, calcolando al milligrammo le dosi e le combinazioni per pranzi, cene e colazioni.

Inoltre,una caratteristica quasi sempre presente in chi soffre di un disturbo alimentare è l'alterazione della propria immagine corporea che può giungere a configurarsi in un vero e proprio disturbo. La percezione che la persona ha del proprio aspetto, ovvero il modo in cui nella sua mente si è formata l'idea del suo corpo e delle sue forme, sembra influenzare la sua vita più della propria immagine 


Letture del settore

- Una Fame da Morire di Gianna Schelotto

- Ragazze anoressiche e Bulimiche di Palazzoli Selvini


































https://disturbialimentariveneto.it 

www.psicopatologiaalimentazione.it 

www.manuelaagostini.it
Creato con Webnode
Crea il tuo sito web gratis!